SIPMeL

Area soci

Info e storia

La storia della società

Anni ‘80

Nel corso degli anni ottanta si è sviluppato un importante dibattito, relativamente al ruolo della diagnostica di laboratorio. Ci si interrogava in merito alla sua collocazione all'interno della pratica medica ed alle specifiche competenze del medico di laboratorio. In quest'ambito ha un significato particolarmente rilevante la lettura del Prof. Angelo Burlina, Ordinario di Biochimica Clinica dell'Università di Padova, dal titolo "Percorso formativo e ruolo professionale del medico di laboratorio" tenuta durante il Secondo Corso Avanzato sull'interpretazione dei dati di laboratorio, svoltosi a Piancavallo (PN) alla fine di giugno del 1986 ed organizzato dalla Triveneta di Patologia Clinica.

1986 Nasce SIMeL

Nella lettura si metteva a fuoco, con particolare lucidità, la logica del nuovo ordinamento della Facoltà di Medicina, con l'individuazione dell'area della Medicina di Laboratorio e la sempre più definita struttura delle Scuole di Specializzazione post-laurea. Da questo vero e proprio manifesto programmatico della professione, nasceva l'idea di fondare una nuova Società Scientifica che fosse esplicativa di tale filosofia: la Società Italiana di Medicina di Laboratorio (SIMeL), costituita il 1 febbraio 1986.

Altra intuizione di particolare rilevanza fu di prevedere una Società Scientifica a respiro nazionale articolata però in sezioni regionali, vero e proprio fulcro funzionale dell'attività. Subito dopo il Corso di Piancavallo, sono iniziate le iscrizioni alla nuova Società con la costituzione delle Sezioni regionali prima del Veneto e dell'intero Triveneto, in seguito della Lombardia, della Toscana, del Piemonte, della Liguria e dell'Abruzzo, con successiva rapida diffusione all'intero territorio nazionale.


Il primo Congresso Nazionale si è svolto a Milano il 4-7 novembre 1987 con il suggestivo tema "La nuova logica diagnostica del Laboratorio"; successivi Congressi Nazionali si sono svolti in città di tutta Italia (Genova, Firenze, Bologna, Bari…). Strumento fondamentale per la vita della Società diventò Progressi in Medicina di Laboratoriorivista a carattere nazionale fondata nel 1987 dal Prof. Angelo Burlina che ne assunsela direzione e con il Prof. Ugo Lippi come redattore capo.

Nel novembre1990 si è svolta a Roma la Settimana Internazionale della Medicina di Laboratorio articolata in numerose iniziative: Congresso Nazionale, Conferenza Internazionale sulla Diagnostica di Laboratorio e 1° Corso Avanzato di Diagnostica e Tecnica di Laboratorio. Quest'ultima manifestazione, che affrontava le tematiche della Medicina Molecolare, ha costituito la prima iniziativa della neonata Commissione Nazionale per la Formazione Permanente.
Negli anni successivi erano attivate la Commissione Nazionale dei Gruppi di Studio interdisciplinari e la Commissione Nazionale per gli Affari professionali. Altre edizioni del Congresso Nazionale hanno anticipato tendenze dimostratesi fondamentali negli anni successivi: Bari nel novembre 1991 con il tema dei livelli decisionali e Trieste (1993) con quello della "Qualità Globale in medicina di laboratorio". Pochi giorni prima di quest'evento scompariva improvvisamente e prematuramente il Prof. Burlina.


All'inizio del 1993 Angelo Burlina aveva ulteriormente definito il percorso editoriale della Società, attivando le riviste Medicina di Laboratorio (sostitutiva di Progressi in Medicina di Laboratorio) e European Journal of Laboratory Medicine. Nei due giornali Angelo Burlina era affiancato rispettivamente da Marco Pradella e da Ugo Lippi e Lauro Galzigna.

1993

Nei sei anni successivi la presidenza è stata raccolta dal Prof. Ugo Lippi, che curò l'organizzazione di importanti edizioni del Congresso Nazionale.


Nel corso di questi anni, a livello societario, è stata promossa un'importante attività di formazione permanente, attraverso la realizzazione di corsi residenziali ed è stata ampliata ed intensificata l'attività del Comitato Italiano per la Standardizzazione dei Metodi Ematologici e di Laboratorio (CISMeL). Nello stesso tempo la Società si dotava di un sito internet, denominato www.simel.it, in sintonia con la diffusione di questo nuovo strumento informatico professionale.

1999

Nel 1999 il dibattito sull'adeguamento dell'organizzazione della Società si chiude con l'approvazione del nuovo Statuto che, come elemento caratterizzante, vede l'affiancamento al Presidente, al Vice-presidente, al Segretario ed al Tesoriere (eletti unitariamente dal Consiglio Nazionale per lista) di un ulteriore organismo elettivo chiamato Giunta Esecutiva con colleghi rappresentativi del Nord, del Centro e del Sud Italia.

Nel novembre 1999 il Consiglio Nazionale elegge a presidente Paolo Rizzotti.


Nel corso del triennio 2000-2002 si sono svolti quattro Consigli Nazionali l'anno e altrettante riunioni della Giunta Esecutiva. I risultati principali possono essere considerati: il consolidamento organizzativo della Segreteria nella sede di Castelfranco Veneto con l'adeguamento del personale dipendente, la fondazione di un nuovo giornale, Rivista di Medicina di Laboratorio-Journal of Laboratory Medicine.


Nel corso del 2001 viene modificato lo Statuto con la costituzione della Sezione Tecnici di Laboratorio Biomedico (STLB). In occasione del Congresso Nazionale di Pescara dell'ottobre 2001, si svolge la prima riunione del Coordinamento Nazionale dei Tecnici di Laboratorio e viene nominato il Coordinatore Nazionale.

2002

Alla fine del 2002, a Milano, è eletto alla presidenza Piero Cappelletti.


Nel novembre 2003 la Società ottiene la certificazione ISO 9001-2000, poi riconfermata ogni anno.

Nel gennaio 2004 il Consiglio Nazionale approva la costituzione della Sezione Laureati Specialisti in Discipline Scientifiche di Laboratorio Biomedico (DSLB), sezione che nello statuto viene strutturata in modo analogo a quella STLB. In occasione del Congresso Nazionale di Modena del novembre 2004, si svolge la prima riunione del Comitato Promotore SIMeL-DSLB e nel corso del 2005 si costituiscono le prime sezioni regionali DSLB.

2005

Nel 2005 è pubblicato il primo numero di "La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio - Italian Journal of Laboratory Medicine" (RIMeL-IJLaM), ora di proprietà della Società, che sostituisce il precedente periodico. Il 25 maggio 2005 il Consiglio Nazionale approva, in presenza del Notaio e del Legale societario, il nuovo Statuto redatto per ottemperare le richieste imposte dalla legge alle Società Scientifiche. Nel novembre 2005, in occasione del 19° Congresso Nazionale di Trieste, si svolgono le riunioni elettive del Consiglio Nazionale, che riconferma per il triennio la carica al Presidente Piero Cappelletti ed ai suoi collaboratori, del Direttivo STLB e del 1° Direttivo DSLB.

2008

Il 30 giugno 2008 SIMeL diventa Associazione iscritta al Registro delle Persone Giuridiche presso la Prefettura di Treviso – Ufficio Territoriale del Governo. Nel corso del 2008 SIMeL acquista il proprio immobile a Castelfranco Veneto, dove trasferisce la sede legale ed amministrativa.
Il 28 ottobre 2008 il Consiglio Nazionale elegge Piero Cappelletti ed i suoi collaboratori alla Presidenza anche per il successivo triennio 2008-2011, in occasione del 22° Congresso Nazionale di Rimini. Nella stessa data, si tengono le elezioni dei nuovi Direttivi Nazionali della Sezione STLB e DSLB per il triennio a seguire. Questo 22° Congresso SIMeL viene organizzato per la prima volta come evento congiunto con il 40° Congresso SIBioC. L’esperienza positiva spinge i Direttivi di entrambe le Società a ripetere l’evento congiunto anche per l’anno 2009.


Il 27 maggio 2009 il Consiglio Nazionale approva, alla presenza del Notaio, le modifiche ad alcuni articoli dello Statuto; per ottemperare alle disposizioni imposte dalla Legge alle Associazioni giuridicamente riconosciute e per dare una maggiore rappresentatività alle Sezioni DSLB e STLB all’interno degli organi associativi.

Un forte stimolo alla funzionalità della Società viene dai Gruppi di Studio e dalle Commissioni Nazionali. Queste in particolare vengono ricostituite sia nei compiti che nella composizione nel corso del 2009.

-          La Commissione per la Formazione ha il mandato di curare i seguenti compiti ed argomenti:

1) valutazioni critiche delle determinazioni di ECM nazionale, tali da consentire tempestivi interventi alla Presidenza Societaria;

2) sorveglianza degli eventi SIMeL accreditati da altri provider con l'ECM regionale;

3) diffusione dei metodi ECM e della sensibilità riguardo alla necessità che SIMeL sia provider;

4) ricostruzione, anche parziale, della rete degli AdF e commissione nazionale come hub della rete;

5) elaborazione teorica dei contenuti e modelli formativi;

6) elaborazione teorica ed applicazione pratica di modelli di assessment degli effetti formativi a distanza;

7) elaborazione teorica del rapporto tra formazione istituzionale e formazione continua (e ruolo delle Società Scientifiche).

-          La Commissione per i Problemi ha il mandato di occuparsi dei temi seguenti:

1) responsabilità dei dirigenti sia sotto il profilo etico che legale;

2) competenze professionali alla luce dell’elaborazione teorica delle competenze in Medicina di Laboratorio, dell’evoluzione delle stesse e del dibattito sulle riviste internazionali sulle competenze dei medici/clinical scientist e dei biomedical scientist in Europa (EPBS);

3) il codice deontologico per i TSLB nella realtà italiana e nel contesto europeo (EPBS).

-   La Commissione Qualità e Accreditamento si compone di membri designati dai Gruppi di Studio SIMeL, disponibili a lavorare per evincere, sistematizzare ed illustrare tecniche e strumenti concreti per misurare e monitorare gli indicatori della qualità. Ciascuno nel rispettivo settore (ematologia, agenti di infezione, immunologia, etc..). Partecipano anche soci esperti o con ruoli utili agli obiettivi del progetto.
La mission consiste nell'aiutare i soci SIMeL ad orientarsi tra tecniche e metodologie correlate alla qualità. Intende muoversi, con doverosa prudenza, nella spinosa area della certificazione/accreditamento, in quella non meno complessa delle attività di monitoraggio (VEQ e CQI), collegando queste ai temi più moderni della gestione dei rischi, delle assicurazioni, del governo clinico dei laboratori. Metodo di lavoro è quello di studiare e definire i problemi, confrontare esperienze, proporre soluzioni.
Si avvale delle collaborazioni già in essere con il CISMEL, con gli organi tecnici dell'UNI, dei contatti con CLSI-NCCLS, ICSH, IFCC e COWS della WASPaLM, con gruppi di altre Società Scientifiche.

-   I Gruppi di Studio (GdS) sono articolazioni della SIMeL che interessano le grandi aree scientifico-culturali della disciplina. Essi hanno per fine l’approfondimento e l’aggiornamento di tematiche connesse con i fini istituzionali della Società. I Coordinatori dei GdS si riuniscono in un incontro annuale per definire i programmi annuali e relazionare sul proprio operato.

Sempre nel 2009 viene ridefinito il Comitato Scientifico societario con il seguente mandato:

1) formulare proposte di indirizzo sull’attività scientifica (quale organo “esterno” alla Presidenza/Giunta);

2) suggerire metodologie congressuali;

3) proporre sistemi di audit per la verifica dell’efficacia dell’attività scientifica e formativa;

4) proporre l’attivazione di collaborazioni scientifiche tra realtà internazionali ed italiane;

5) valutare e selezionare i poster, anche in relazione a premi previsti, in occasione del Congresso Nazionale o di altri eventi interregionali e nazionali.

Per le diverse attività il Comitato può articolarsi in sottogruppi operativi.

Nel 2010 la documentazione prodotta da SIMeL ai fini dell’accreditamento provvisorio ECM (validità 24 mesi) viene accolta dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua che esprime parere positivo in data 2/12/2010 riconoscendo a SIMeL la funzione di Provider ECM.

2011

A partire dal 2011 l'editoria della Rivista societaria viene affidata a Springer-Verlag e gli articoli vengono sottoposti alla Redazione solo per via informatica tramite il sistema Editorial Manager.
Nel Novembre 2011 a Parma è eletto presidente Bruno Biasioli, affiancato nel triennio da Claudio D'Amario, Vicepresidente; Anna Maria Cenci, Segretario; Pietro Cortese, Tesoriere. In contemporanea viene eletta la nuova Presidenza delle Sezioni DSLB e STLB con incarico fino al 2014.

Nel corso del 2012 il presidente Bruno Biasioli nomina per il triennio 2012-2014 i Responsabili delle Commissioni Nazionali SIMeL per la Formazione Permanente, per i Problemi Professionali, per la Qualità, per i Gruppi di Studio e nomina i Redattori degli Organi di Comunicazione (Rivista e Portale societari). La Giunta Esecutiva e il Consiglio Nazionale SIMeL il 9 febbraio 2012 propongono e nominano la Commissione per lo Studio del Regolamento per lo Statuto SIMeL. Sempre nel 2012 la Giunta Esecutiva SIMeL il 20 aprile 2012 delibera l’ampliamento dei membri del Comitato Scientifico SIMeL per dare la possibilità al Provider SIMeL di accreditare ulteriori discipline per il Medico e 2 figure professionali (farmacista e Infermiere). La delibera è ratificata dal Consiglio Nazionale SIMeL nell’incontro del 2 ottobre a Salerno.

La Commissione Nazionale ECM, dopo valutazione dei nuovi membri del Comitato ScientificoSIMeL, approva nel 2013 la richiesta dando così la possibilità al Provider SIMeL di accreditare ulteriori discipline per il Medico e 2 figure professionali (farmacista e Infermiere). La Commissione per lo Studio del Regolamento per lo Statuto SIMeL nel corso dell’anno lavora intensamente alla revisione dello Statuto che viene discusso, modificato e riproposto in varie versioni in sede delle riunioni della Giunta e del Consiglio Nazionale. Sempre nel 2013 la Società realizza il Volume “Tavole Ematologiche” a cura di Tullio Artusi e Goretta Bonacorsi, in collaborazione con il GdS Ematologia SIMeL.

2014 SIMeL ed AIPaC confluiscono in SIPMeL

I contatti con l’Associazione Italiana Patologi Clinici (AIPaC-MeM) si intensificano per esplorare la possibilità di una unificazione delle due Società. Il 2014 è l'anno della approvazione da parte del Consiglio Nazionale del nuovo Statuto che, nella prima versione votata il 7 marzo prevede sostanzialmente la riduzione del numero dei rappresentanti in Consiglio Nazionale, e nella seconda versione votata il 28 ottobre, approva il cambio della ragione sociale da SIMeL a SIPMeL  - Società Italiana di Patologia Clinica e Medicina di Laboratorio. Si delibera nel contempo la proroga dei mandati delle cariche regionali e nazionali SIMeL fino alle elezioni del 2015.

2015

Il 23 novembre 2015 a Roma è riconfermato il Presidente Nazionale Bruno Biasioli, che nel triennio 2015-2018 sarà affiancato da Francesco Curcio - Vicepresidente Nazionale; Maria Golato - Segretario Nazionale; Pietro Cortese - Tesoriere Nazionale; Marzia Cozzi - Presidente DSLB; Riccardo Grimaldi - Presidente STLB. In contemporanea viene eletta per il triennio 2015-2018 la Presidenza delle Sezioni SIPMeL-DSLB e SIPMeL-STLB.

A inizio 2016 la Giunta Esecutiva SIPMeL, su proposta del Presidente Nazionale Bruno Biasioli, nomina per il triennio 2016-2018 i Componenti del Comitato Scientifico SIPMeL; i Responsabili delle Commissioni Nazionali SIPMeL per la Formazione Permanente, per i Problemi Professionali, per la Qualità, per i Gruppi di Studio; i Redattori degli Organi di Comunicazione (Rivista e Portale societari).

2018

Il 22 ottobre 2018 in occasione del 4° Congresso Nazionale SIPMeL, 34° Congresso Nazionale SIPMeT, 4° Congresso dell’area di Patologia e Medicina di Laboratorio a Catania è eletta Presidente Nazionale Maria Golato, che nel triennio 2018-2021 sarà affiancata da Vittorio Sargentini - Vicepresidente Nazionale; Danilo Villalta - Segretario Nazionale; Pietro Cortese - Tesoriere Nazionale. In contemporanea è eletta la Presidenza delle Sezioni SIPMeL-DSLB e SIPMeL-STLB, che vede riconfermati per il triennio 2018-2021 Marzia Cozzi - Presidente DSLB e Riccardo Grimaldi - Presidente STLB.

Nel corso della Giunta Esecutiva SIPMeL del 29 novembre 2018, su proposta del Presidente Nazionale Maria Golato, la Giunta nomina per il triennio 2018-2021 i componenti del Comitato Scientifico SIPMeL; i Responsabili delle Commissioni Nazionali SIPMeL per la Formazione Permanente, per i Problemi Professionali, per la Qualità, per i Gruppi di Studio; i Redattori degli Organi di Comunicazione (Rivista e Portale societari).