SIPMeL

Membri del WASPaLM

WASPaLM

Il Ruolo di WASPaLM è riassunto in:

  • Missione
  • Obiettivi

Missione

Migliorare la salute in tutto il mondo promovendo l'insegnamento e pratica di tutti gli aspetti della patologia e della Medicina di Laboratorio.

Obiettivi

  1. Promuovere l'istruzione, la ricerca, e gli standard di qualità internazionali, attraverso i Comitati e Segretariati della WASPaLM e della Fondazione Mondiale di Patologia.
  2. Promuovere qualità di eccellenza, l'efficienza e l'efficacia dei servizi di laboratorio medici.
  3. Promuovere lo scambio di informazioni tra patologi e scienziati di laboratorio in tutto il mondo.
  4. Incoraggiare la formazione la cooperazione tra società di Patologia e di Medicina di Laboratorio in tutto il mondo.
  5. Diffondere la cooperazione tra WASPaLM e le altre organizzazioni sanitarie internazionali.

Cosa è WASPaLM?

L'idea di creare una Federazione Mondiale delle costituenti Società di Patologia Clinica prese inizio già subito dopo la seconda guerra mondiale, per opera di un gruppo di patologi londinesi. Dopo alcune discussioni la Società Internazionale di Patologia Clinica fu fondata a Parigi a settembre 1947.
La nuova Società, che inizialmente aveva come membri le società nazionali di patologia clinica di Francia, Regno Unito, Cecoslovacchia, e Belgio, era governata da una "Casa dei Delegati" rappresentante le diverse Società Costituenti, diretta da un Bureau con funzioni di Comitato Esecutivo della Casa, un modello di governo che persiste tutt'oggi.

Già in una delle prime riunioni, a Sheffield l'Inghilterra nel 1948, fu deciso che la Società Internazionale avrebbe patrocinato i Congressi Mondiali di Patologia.
Il primo fu tenuto a Londra, Inghilterra, nel 1951 e i Congressi Mondiali successivi furono i seguenti: Washington, D.C. Stati Uniti (1954); Brussels, Belgio (1957); Madrid, Spagna (1960); Città di Messico, Messico (1963); Roma, Italia (1966); Montreal, Canada (1969); Monaco di Baviera, Germania Ovest (1972); Sydney, Australia (1975); Rio de Janeiro, Brasile (1978); Gerusalemme, lsraele (1981); Tokio, Giappone (1983); Brighton, Inghilterra (1985); Washington D.C., Stati Uniti (1987); Firenze, Italia (1989); Vancouver,Canada (1991); Acapulco, Messico (1993); Auckland, Nuova Zelanda (1995), Versailles, Francia (1997, 50° Anniversario), San Paolo, Brasile (1999),Düsseldorf, Germania (2001), Seul, Corea (2003), Istanbul, Turchia (2005), Kuala Lumpur (2007), Sydney, Australia (2009), Las Vegas,Nevada, USA (2011), Québec City, Canada (2013), Cancun, Mexico (2015), Seoul (2017).

Il nome della Società Internazionale ha subito diverse revisioni, a causa del significato che il termine patologia clinica ha nei vari Paesi. La definizione Patologia Clinica era stata usata per includere tutti i rami della patologia, quali la anatomia patologia, la patologia clinica, l'ematologia, la microbiologia e tutte le loro sottospecialità.
Sfortunatamente, in molti paesi il termine di Patologia Clinica era usato per escludere l'anatomia patologia, ed il problema divenne evidente quando il nome fu tradotto in altre lingue, diverse dall'inglese.

A causa di questa difficoltà il nome di Società Internazionale di Patologia Clinica fu cambiata nel 1969 nella Associazione Mondiale (Anatomica e Clinica) delle Società di Patologia - WAPS, poi rivisto in WASP (Vespa). La costituzione e i regolamenti sono stati più volte rivisti, per cercare di rappresentare sempre meglio tutti gli aspetti della patologia. Il nome provoca ancora discussioni, ma esso vuole rappresentare ogni branca della Medicina di Laboratorio. Per questo motivo, nel congresso in San Paolo del Brasile, nel 1999, il nome è stato ancora rivisto in Word Association of Societies of Pathology and Laboratory Medicine (WASPaLM).

La Società Italiana di Patologia Clinica e Medicina di Laboratorio, per i suoi obiettivi, si riconosce nella WASPaLM. Il travaglio del nome della WASP verso una sempre migliore definizione del ruolo del Laboratorio come Medicina di laboratorio, sembra essere il travaglio e la spinta propulsiva per la vita della SIPMeL.
Aderiscono attualmente alla WASPaLM 56 società e associazioni universitarie, di 40 paesi.

La WASPaLM rappresenta il mondo del Laboratorio nella organizzazione mondiale della Sanità (WHO), partecipando ad un consiglio di Organizzazioni Internazionali nelle Scienze Mediche e stabilendo relazioni con altri organismi internazionali.

Un importante aspetto del lavoro della WASPaLM è stato lo sviluppo di un numero di Segretariati di categoria e di Comitati, ciascuno legato ad una delle Società di Patologia o Università componenti; questi segretariati assumono una particolare responsabilità su temi internazionali.
Questi includono:

  • La Commissione sulla standardizzazione (Stati Uniti, L'università di Patologi americani);
  • Il Segretariato per l'Assicurazione di qualità (Germania, Institut für Standardisierung und Dokumentation im Medizinischen Laboratorium e.V.; Deutsche Gesellschaft für Qualitätssicherung e. V.; Deutsche Gesellschaft für Laboratoriumsmedizin e. V.; Berufsverband Deutscher Laborärzte e. V.);
  • Il Segretariato per gli Affari Economici (Regno Unito, l'Associazione di Patologi Clinici);
  • Il Segretariato per la Patologia Clinica nei Paesi in via di sviluppo (Regno Unito, Reale Università di Patologia);
  • Il Segretariato su Patologia Forense (l'Australia e Nuovo Zelanda, Reale Università di Patologia di Australasia);
  • Il Segretariato per l'Informatica (Gli Stati Uniti, l'Università dei Patologi americani);
  • Il Segretariato sui problemi etici in Patologia e Medicina di laboratorio (Comitato di Nuova Zelanda, Università Reale di Patologia di Australasia) e alcuni Comitati per l'Utilizzazione dei Risultati di Laboratorio e la qualifica professionale dei Patologi.
  • Un Segretariato sulla Patologia Ambientale e le Malattie professionali (Società Americana dei Patologi Clinici con l'Istituto di Patologia delle Forze Armate in Washington D.C.)

     

Referenti SIPMeL per WASPaLM:

Prof. Roberto Verna (roberto.verna@uniroma1.it)

Dr. Romolo Marco Dorizzi (romolo.dorizzi@auslromagna.it)